Gran Bretagna, assicurazione auto: le donne pagheranno quanto gli uomini

Di Redazione, 26/06/2011
Sembra una cosa ovvia, no? Donne e uomini pagano tariffe simili, per l'assicurazione auto. E magari, per qualcuno che ancora crede al detto "donne al volante, pericolo costante", le donne dovrebbero pagare piu' degli uomini. Beh, non e' cosi'.

In Gran Bretagna e altrove, le assicurazioni inseriscono anche il sesso (non quanto, quale!) tra i criteri che incidono sul premio che l'assicurato paga. Uomini e donne hanno quindi tariffe differenti, generalmente piu' vantaggiose delle donne, che - al contrario di certi cliche' - chiedono meno rimborsi al loro assicuratore, rispetto ai maschietti.

Le cose stanno per cambiare, pero': le assicurazioni (britanniche e non) non potranno piu' offrire tariffe assicurative differenziate a seconda del sesso dell'assicurato. Lo ha stabilito la Corte di Giustizia della Comunita' Europea, e il cambiamento diventera' operativo il 21 dicembre 2012. Le donne che assicurano l'auto vedranno quindi salire il premio che pagano.

E parlando di premi ... sono solo io, che trovo bizzarro chiamare "premio" qualcosa che devo pagare anziche' ricevere?

La Corte di Giustizia della Comunita' Europea ha stabilito che e' discriminatorio avere tariffe assicurative differenziate a seconda del genere dell'assicurato. Queste differenziazioni si usano molto in Gran Bretagna, e un diciottenne (maschio) puo' arrivare a pagare l'assicurazione auto anche il doppio di quanto pagano le sue coetanee (femmine), in quanto e' statisticamente provato che gli uomini hanno (o denunciano, il che in questo contesto e' lo stesso) incidenti piu' frequentemente delle loro coetanee. Beh, tutto finito, a partire dal 21/12/2012: il premio assicurativo delle donne verra' aumentato ed allineato a quello pagato dagli uomini. Si parla di un aumento fino al 25%-30%, per le guidatrici britanniche.

Ovviamente la fine della discriminazione tocchera' anche altri tipi di assicurazione: quella sulla vita, per esempio, e le pensioni private. Finora, a parita' di pagamento per una pensione privata, gli uomini ricevevano - una volta raggiunta l'eta' della pensione - una pensione annua piu' alta, grazie al fatto che in media la vita degli uomini e' piu' corta di quella delle donne. Dal dicembre 2012 in poi, salvo ritardi nell'implementazione della direttiva europea, la pensione degli uomini verra' "diluita" su piu' anni.

Argomenti: assicurazioni, Europa
Data: 26/06/2011 alle 22:44
©2011 Auto & Affari. La riproduzione integrale di quest'articolo e' vietata.
Redazione

L'autore: Redazione

La redazione di questo sito


Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato

Domanda di verifica


Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Questa domanda à per verificare che tu sia umano.