Un utente soddisfatto ci scrive ... miracolo!

Di Webmaster, 22/01/2006
Riceviamo e pubblichiamo l'email di un inserzionista:

"All'inizio di dicembre ho pubblicato un annuncio per vendere la mia Opel Tigra 1.6 su www.ruote.affari.to; ho poi pubblicato lo stesso annuncio intorno al 20 dicembre su -SITO CONCORRENTE-. Non sono stato contattato da nessuno per settimane, e avevo urgenza di vendere l'auto, quindi, all'inizio di gennaio, mi sono rassegnato a portarla da un concessionario locale, disposto a fatica a pagare 1500 euro (cavolo, l'avevo pagata 27 milioni, nel 1999!). Mezz'ora prima dell'incontro col concessionario, mi chiama un potenziale compratore, che dice d'aver visto l'annuncio su www.ruote.affari.to, e mi dice d'essere interessato all'auto e disposto a pagare il prezzo indicato nell'inserzione (3000 euro). Nascono dubbi. Spiego che, se la vendita al concessionario non andasse in porto, l'auto sarebbe nuovamente sul mercato; a quel punto vado dal concessionario, e scopro che, da quei 1500 euro, ci sono ancora da detrarne 250 per una cosiddetta 'minivoltura', e altri 300/400 per il bollo. Meno di 1000 euro per me, quindi! Alla fine ho venduto la Tigra alla persona che l'ha vista sul vostro sito, e ne sono soddisfatto. Grazie."

Aggiungiamo noi: l'inserzione era accompagnata da una foto, il che aiuta sempre, quando un'auto e' bella.

Argomenti: Opel
Data: 22/01/2006 alle 08:00
©2006 Auto & Affari. La riproduzione integrale di quest'articolo e' vietata.

L'autore: Webmaster

Sono quello che ha creato, programmato e che gestisce questo sito.


Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato

Domanda di verifica


Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Questa domanda à per verificare che tu sia umano.